Stampa
NEW HOPE


Il quartiere e' situato vicino al porto, ma anche vicino ai quartieri cinesi e giapponesi, e' caratterizzato da palazzi alti mediamente 20-30 piani, spesso palazzi-dormitorio per gente con pochi soldi, ma non mancano i grattacieli, l'etnia e' mista, ci puoi trovare tutte le razze e le nazionalita in armonia, non e' raro sentire parlare per le vie affollate 7-8 lingue contemporaneamente.

 

Il livello di violenza e criminalita' e' abbastanza alto ma senza arrivare agli eccessi di altri quartieri come i Blacks, qui la polizia e' impotente, sia la mafia italiana che quella russa, che la triade che la yakuza che il cartello colombiano hanno interessi nel quartiere, ma invece che contenderselo apertamente lo tengono come zona neutra, in cui tutti i gruppi criminali possono incontrarsi e fare affari fra e con loro; per l'uomo della strada il quartiere e' in mano a varie sottobande multirazziali che stringono alleanze e guerre fra di loro, ma le bande maggiori sono controllate o collaborano in modo piu o meno occulto dalle varie grosse organizzazioni criminali della citta.

 

Il quartiere e' quindi l'ideale per traffici illegali, come luogo di incontro fra gruppi rivali, per scambi di dati o merce con ricettatori, sia a basso livello che ad alto livello,

 

L'economia si basa sulla microcriminalita' ed sui traffici illeciti, ma anche su alcune grosse industrie che danno lavoro a molti operai non specializzati, ovviamente violando gran parte dei protocolli della sicurezza sul lavoro e dei contributi sindacali; inoltre ella parte piu interna c'e un mercatino dell'usato (e del rubato) gestito dalle maggiori bande locali in cui e' relativamete facile comprare o vendere piccole armi, software, hardware, droghe...

 

 

 

LUOGHI



The Starlet: un bar notturno famoso per le sue giovanissime ballerine di lap dance e per lo spaccio di droga; arredato in modo semplice, luci soffuse, musica moderna, le cameriere servono in topless, e'frequentato sia da gente comune che da solitari che da ricchi in cerca di divertimenti trasgressivi; e' anche frequentato da vari spacciatori fra cui Ahmed

 


L'altare della Pace e della Fratellanza: monumento di arte moderna situato nella piu grossa piazza del boro, fortemente voluto dal comune e tirato su a tempo di record durante la campagna elettorale dello scorso sindaco, e' ora usato come luogo di incontro e scambio da spacciatori e tossici, mentre di sera ai bordi della piazza "lavorano" prostitute e viados, in gran parte minorenni.

 


Mercato: e' il centro commerciale per poveri del quartiere, situato in due grossi palazzi quasi al centro del boro, in cui puoi trovare vestiti, cibo, ma se sai a chi chiedere anche qualunque altra cosa, legale o illegale; in uno dei due palazzi c'e il banco di pegni di Antony e un grosso giro di riciclaggio di roba rubata.

 


Oltre al denaro contante e ai normali chip di credito, all'entrata puoi acquistare dei chip di credito locali, in pratica una valuta che vale solo all'interno dei due palazzi e che permette quindi di fare acquisti senza che vengano registrati dai circuiti internazionali delle banche,.Inoltre in una piccola zona un gruppo di nomadi ha aperto un negozio in cui non si usa denaro, nemmeno quello locale, ma tutti gli acquisti vengono pagati col metodo del baratto, un metodo certamente non comodo e preciso ma che porta al negozio stesso molti clienti curiosi.

 


The High Club: bar esclusivo per netrunner, e' quasi un club privato, arredato in stile ultramoderno con prese di rete quasi ovunque; chiunque puo entare nella prima sala, ma se non e' conosciuto la clientela e i baristi fanno in modo di farlo sentire molto a disagio; per accedere alla seconda sala bisogna invece essere conosciuti , possibilmente come netrunner capaci, e non e'facile ottenre il permesso; ci sono all'interno altre salette strettamente private, dove possono avvenire gli incontri per offrire lavori; si dice che spesso puoi trovarci C.J. e gli altri del suo gruppo, nonche' tutta una serie di netrunner che tentano di conoscerli

 


Apache Revenge: un bar arredato in stile indiano/western, con veri pezzi di artigianato indiano alle pareti, frequentato in gran parte da nomadi e indiani d'America. Situato alla periferia del boro, e' gestito da Jeremy, un bianco molto appassionato di cultura indiana, che oltre al bar ha le mani in pasta nello smercio di moto rubate e pezzi di ricambio.

 


The Flon: bar-ritrovo per solitari, e' situato sulla piazza dell'altare della Pace, e' un locale malfamato frequentato da ex-soldati, mercenari ed altra gente poco raccomandabile, gestito da un ex-marine nero alto quasi due metri, Bruce, oltre ai soliti buttafuori con arti artificiali e muscoli implantati ha due torrette funzionanti poste all'entrata. Oltre a essere un'agenzia di lavoro per i solitari stessi, c'e un mercato nero di armi e droghe da combattimento gestito dallo stesso Bruce.

 

 

 

PERSONE



Jalwin Gaidred: Solitario, razza bianca, vive nello sprawl di night city, stimato dalle bande locali, cui a volte offre disponibilita'. In azione utilizza pesantemente droghe da combattimento, per sublimarne la dipendenza utilizza spesso droghe pesanti di vario tipo. E' specializzato in infiltrazioni ed omicidio silenzioso, potendo rifiuta gli incarichi di protezione a causa del trauma subito dallo sterminio della famiglia, e' ossessionato dall'idea di non essere riuscito a proteggere sua sorella. Arma preferita: due Uzi silenziati.
Prezzo: da 3000 E$ a salire

 

C.J. : Nero, 16 anni, e' uno dei migliori netrunner di tutta Night City ed e' anche un ottimo programmatore, particolarmente adatto per azioni in cui si possa agire da remoto, senza correre rischi fisici diretti. Ha contatti con le piu importanti gang del boro, non ha famiglia ma e' il capo del suo club di netrunner, formato da giovani talenti del suo boro.

 

Amuro: Orientale, 13 anni, netrunner, amico di C.J., ambizioso e determinato, cresciuto in una famiglia di operai del boro, e' considerato nell'ambiente la grande promessa dell'hacking mondiale, fa parte dello stesso gruppo di C.J., e' estremamente veloce in rete e per nulla etico, gia abbastanza famoso, lavora bene in coppia con altri netrunner

 

C.J. e Amuro possono essere ingaggiati insieme, non hanno ideologie particolari o problemi morali, basta non chiedergli di andare contro il loro gruppo, richiedono un solitario di protezione se portati in luoghi pericolosi.
Prezzo da 10.000 E$ per ognuno a salire

 

George Wall: solitario australiano, 40 anni, reduce delle guerre centroamericane, ha braccia e gambe cibernetiche, e' abbastanza vicino alla cyberpsicosi ma riesce a tenersene fuori, adatto per lavori appariscenti ma anche per scorta personale nei peggiori posti dello sprawl, tende alla violenza eccessiva ma porta sempre a termine il suo lavoro.
Prezzo: da 2000 E$ in su

 

Ahmed: americano di origine Araba, 18 anni, e' un ricettatore specializzato in droghe, trova di tutto, crack, wiz, danz, eroina, afrodisiaci, droghe da combattimento, ovviamente al giusto prezzo; lo si trova in vari bar della zona ed ha contatti con tutti i gruppi malavitosi del qaurtiere, ma lavora piu frequentemente con il cartello colombiano ed e' amico di Jalwin.

 

Ichiiro Hojo: Japponese, 30 e passa anni, ex/campione del circuito catch nipponico, si e' ritirato dal circuito dopo l'involontaria uccisione di un avversario. Latitante per alcuni anni, ricompare quando una sua ex gli confessa di avere una figlia. Da allora lavora come solitario, cercando sempre di rimanere vivo cosi' da poter accettare nuovi lavori.
Prezzo: da 3000 E$ in su

 

Robert "Bobby" McNish: Americano, bianco, 20 anni, ricettatore specializzato in armi e esplosivi, si sa molto poco di lui; si mormora che ha contatti con gli israeliani e che si sia messo in proprio tardendo il suo ex-capo; freddo, ambizioso, si muove sempre con almeno una guardia del corpo, e' interessato solo al denaro, ggeneralmente non tratta vendite al dettaglio e per abbastanza soldi si dice possa procurarti anche del gas nervino

 

Krzysztof "Kriz" Maceycz: 26 anni, di origine polacca, e' un tecnomedico che e' stato radiato dall'ordine per traffico di organi, ha quindi aperto con l'aiuto della mafia russa una clinica clandestina nel boro dove per il giusto prezzo ti rattoppano senza chiederti chi sei e come ti sei fatto quei buchi

 

Antony Martinez: Mulatto, 19 anni, gestisce un banco di pegni con cui ricetta la merce rubata da ladri e borseggiatori, puo' accettare di tutto, cellulari, soldi, oro, auto ma anche hi-fi, forni a microonde, deck, software, armi; ha buoni rapporti con tutte le bande locali, il suo negozio e' ottimo se vuoi comprare o piazzare qualcosa di piccolo, ma per cose troppo grosse o per grossi quantitativi sara' lui stesso ad indirizzarti alla persona piu adatta.